Da Open Software ad Open Web

Miguel de Icaza è il cattivo ragazzo di Linux. E’ quello che dopo aver contribuito a sviluppare GNOME s’era messo a realizzare MONO, il porting per Linux e Os X della infrastruttura .NET di Microsoft. Nulla di male, anzi utile. Ma vallo a spiegare ai puristi dell’open source.

Miguel de Icaza è un ragazzo – odio ragazzo, ha un anno più di me… è un ragazzo, dicevo, intelligente. E ha scritto un post molto interessante sul suo blog. L’ha intitolato What Killed the Linux Desktop.

Read More

Raskin

Ed eccoci al primo post su qualcosa di inerente il mondo Mac. Raskin è un progetto interessante che si collega al tentativo portato avanti da più parti di cambiare il modo con cui da sempre interagiamo con i nostri computer: la scrivania.

Read More

Mandriva franco-russa

E, come accennavo nel post su Mageia, Mandriva sembra sempre lì lì per morire ma poi… ce la fa sempre. Almeno a parole.

Nuovo azionariato, arrivano i russi! Con soldi e con scelte strategiche. Come si legge sul blog ufficiale KDE sarà il desktop principale. E gli altri saranno affidati alla buona volontà della comunità. Una comunità che – a parole – sarà fatta partecipe delle scelte e dello sviluppo di Mandriva, cosa fin’ora inspiegabilmente mai fatta.

Vedremo. Per ora l’unica certezza è che la prossima versione sarà rilasciata nella primavera del 2011, saltando quindi il rilascio autunnale :-(

Mageia

E’ un momento un po’ confuso per chi, come me, utilizza come distribuzione Linux la francese Mandriva.

Mandrake prima, Mandriva poi, è una società che ha sempre navigato in brutte acque, economicamente parlando. Sfornando sempre, quasi le difficoltà economiche fossero uno stimolo irrinunciabile, sfornando sempre dicevo una distro eccellente. Equilibrata tra i diversi Desktop Environment – KDE, GNOME, ecc -, facile da configurare, stabile negli aggiornamenti.

Ormai ci si era quasi abituati ai reiterati annunci di disastro imminente e alla scarsa collaborazione con la community. Comunque fosse, Mandriva proseguiva la sua strada.

Ora, forse, non più come prima…

Read More