Il ponte del Primo Maggio a Londra

Sono tornato a Londra dopo moltissimi anni. Ho approfittato del ponte del Primo di Maggio per far vedere ai miei genitori la capitale inglese. Ovviamente muoversi con la famiglia comporta tempi e modalità ben diverse a quelle a cui sono abituato quando viaggio con gli amici. Ho preso una stanza al St Mark Hotel (link qui) ad Earl’s Court. Quartiere dalle tipiche case inglesi in mattoni rossi, zeppo di alberghetti poco pretenziosi ma (per Londra) economici. Praticamente un letto per dormire ed una doccia per lavarsi ma a 300 metri da una delle più comode stazioni della metro londinese. Da lì a Westminster o alla Torre di Londra non servono cambi e questo ha facilitato molto gli spostamenti della famiglia in gita. Il tempo è stato pessimo. Dopo una settimana a trenta gradi in occasione del momento di maggior afflusso turistico ha fatto capolino il classico inverno inglese: quella decina scarsa di gradi accompagnati da occasionali scrosci di acqua e vento. Il cibo è sempre pessimo. La birra scorre sempre abbondante. Ho approfittato per andare al British Museum per rivedere la Stele di Rosetta e siamo saliti sulla ruota panoramica. Peccato per il Big Bang coperto dalle impalcature di un restauro. Alla Torre di Londra abbiamo anche visto i gioielli della Corona. Per la cronaca confermo che i diamanti Koh-i-Noor e Cullinan II sono così grandi da fare impressione.

 

You may also like