Lisbona

Lisboa_012

 

Lisbona e dintorni: Sintra, Evora, Cabo do Roca. Con la scusa di andare a trovare un amico mi sono concesso qualche giorno di ferie magico 🙂

Lisbona già la conoscevo, c’ero stato un paio di giorni tanti anni fa durante un giro in macchina della Spagna con un paio di amici. Ma il Portogallo… non pensavo fosse così bello. Una scoperta continua. Peccato per il tempo troppo variabile che ho trovato. Alla fine ho dovuto rinunciare ad andare a visitare Porto – o Oporto come si dice da noi. Il rischio di farlo sotto una pioggia battente era troppo forte.

Le foto le trovate quì. La città me la sono girata tutta a piedi sfruttando questi itinerari, per poi ripercorrerla sullo storico tram 28. Ho avuto l’impressione che la città fosse fatta solo di salite! Come Roma, anche Lisboa è costruita su sette colli. Solo che quelli di Roma sono colli dai declivi dolci. Quelli di Lisbona sono impervi e presentano strade con pendenze fino al 14%. Non vi dico salire a piedi le varie scalinate dei quartieri di Alfama, Chiado o Alcantara. La città ricorda molto Napoli ed i suoi Quartieri Spagnoli. Vicoli e vicoletti, panni stesi ad asciugare alle finestre. Con tante case piastrellate con splendidi azulejos. Una città in fermento, con palazzi e case in ristrutturazione o in vendita.

 

 

 

Ho mangiato veramente bene in Portogallo. Va bene che quando ero con il mio amico lui sapeva dove portarmi. Ma anche quando ho girato da solo e sono entrato per caso in localini e ristoranti sono stato benissimo. Ci tengo a segnalarvi uno di questi, scoperto appunto per caso nel quartiere di Alcantara e che si chiama appunto Al Cantaro, splendido locale nascosto in una ripida salita, proprietà di una gioviale signora di Capo Verde.

Ovviamente il sabato sera è obbligatorio trascorrerlo al Barrio Alto. Ottimi ristoranti e tanti locali con musica dal vivo. Una visita merita anche l’Oceanario, l’acquario di Lisbona. E’ nella recente zona dell’Expò, di fronte alla stazione della metro Oriente.

You may also like