Nessuna sorpresa

Si è votato ed è andata come doveva andare. Perché, mi chiedo, in molti sono così stupefatti?
Semplifico molto il mio ragionamento.
L’Italia è un paese di destra. Non siete d’accordo? E allora vi chiedo: quando mai non lo è stata? Solo perché sui social network ci creiamo un recinto chiuso in cui far accedere solo chi la pensa come noi, la realtà dovrebbe cambiare?!?

Non pensate proprio che l’Italia sia un paese di destra? La storia però ci dice cose ben diverse.

Read More

Ruby e affini

Volevo buttar giù qualche considerazione sul caos politico e mediatico di quest’ultimo periodo.

Stretti tra un mondo arabo che va a fuoco – vedi la Tunisia, l’Egitto o lo Yemen – ed un mondo occidentale che inizia a recuperare dallo scivolone della crisi dei mutui subprime, anche l’Italia si avvia al redde rationem della Seconda Repubblica.

Nata da Tangentopoli e dalla discesa in campo di Berlusconi, si avvia a tramontare tra l’imperante corruzione e la fine del leader carismatico del centrodestra.

Read More

Il tramonto di un capo

Riflessioni personali.

Il PD perde le elezioni – passate presenti, future – perchè anzichè fare proposte politiche, anzichè immaginare un paese diverso, perde tempo appresso agli scandali, ai gossip, alle prostitute di Berlusconi. Nonostante i Vendola ed i Renzi, anche con la maggioranza in crisi, il centrosinistra resta appannato e marginale.

Di riflesso Berlusconi ha vinto, e stravinto negli ultimi anni alle urne, perchè ha sempre dato una prospettiva. Ha sempre parlato di cambiamento. L’ha saputo raccontare, con tenacia, con forza, con insistenza.

Read More

Redde Rationem

Sarò l’unico ad auspicare la separazione tra Fini e Berlusconi? Non penso.
Non penso nemmeno di essere stato l’unico a vedere la nascita di Pd e PdL come un momento di confusione.
Come tutte le cose imposte dall’alto e non maturate nè volute dalla base. Berlusconi tenta con Fini un deja vù della passata contrapposizione con Casini. Con la differenza che Casini rappresentava un centro che in Italia non interessa più a nessuno. Fini una nuova destra di cui molti sentono il bisogno.

Read More

Shooting Silvio

E poi si dice che il cinema in Italia è in crisi. Certo che lo è se non sa esprimersi in maniera matura e se per farlo deve addirittura scimmiottare Death of a President di Range.

<br />

La storia è semplice. Sky, rancorosa per l’aumento dell’IVA che ha subito dall’attuale governo1, ha messo in onda un lungometraggio di un abruzzese, Berardo Carboni, dove un depresso identifica in Berlusconi la fonte di tutti i mali e decide di ucciderlo.

- Note all'articolo
  1. siamo in Italia, i manager ragionano di pancia mica di testa []
Read More