NIK Collection è gratuito

Nel 2012 Google acquisì NIK Software per la loro applicazione di post produzione su mobile SnapSeed. Ma NIK Software non sviluppava solo questa app. Anzi, SnapSeed era solo l’ultima arrivata. NIK era famosa per i suoi plugin per Lightroom e per il defunto Aperture: Silver Efex Pro, Viveza, Dfine, ecc. Silver Efex Pro soprattutto era, e forse è tuttora, uno dei migliori plugin per la conversione in bianco e nero delle proprie fotografie. Al tempo dell’acquisizione i plugin erano stati riuniti in un’unico pacchetto, la NIK Collection, disponibile in download digitale a 300 dollari. Il prezzo poi è sceso man mano per arrivare all’annuncio di ieri: NIK Collection è gratuito!

Google-Nik-Collection-1.2.0.7-July-2014-patch-VVK-11

La notizia non è proprio rassicurante in effetti. I software non erano aggiornati da tempo e questa mossa potrebbe essere letta come la premessa per l’abbandono definitivo del loro sviluppo. Comunque, visto che a tutt’oggi continuano ad essere tra i migliori plugin in commercio per le regolazioni a cui sono dedicati, consiglio sicuramente di scaricarli e provarli. Il link al sito di NIK è qui.

WWDC 2015

Lunedì si è svolta la conferenza dedicata agli sviluppatori per i sistemi operativi di Apple. Ovviamente troverete i dettagli su tutti i siti dedicati direttamente o meno al mondo Apple. Non sarò certo io a fare qui un riassunto.

sicurezza

 

Però qualche considerazione mi va di scriverla. Cose positive e cose a cui sono rimasto indifferente.

Read More

Dopo gli occhiali Google rischia un secondo flop con le auto

Ultimamente Google sembra volersi fare del male. Ha iniziato con i Google Glass. Presentati al Google I/O del 2012 con uno spettacolare lancio con paracadute son finiti nel dimenticatoio. Bella tecnologia ma poco pratica nella vita quotidiana. Adesso il Google X Lab, la divisione che si occupa di sviluppare nuove tecnologie, sta lavorando sulle auto senza pilota. Sul palco della conferenza SXSW (South by Southwest) il capo della divisione X ha spiegato perché hanno deciso di eliminare volante e pedali dai loro prototipi.

humans are not a “reliable backup” for the self-driving system

Premesso che uno che si presenta ad una conferenza solamente col nickname (Astro Teller) anziché con il proprio nome mi lascia un po’ perplesso. Poi mi chiedo cosa si aspetti dai suoi tester. Salgono su un’auto che si guida da sola. Normalmente funziona tutto e ovviamente costoro si rilassano e si distraggono. Nessuno si dovrebbe sorprendere se costoro non riuscissero poi a recuperare una situazione d’emergenza, no? Il problema è che l’auto non dovrebbe arrivare a trovarsi in situazioni critiche!

Dobbiamo difendere la nostra privacy

Raccolgo l’appello di Gabriel Weinberg. Weinberg è il fondatore di DuckDuckGo. DuckDuckGo a sua volta è un motore di ricerca che, al contrario di Google, non raccoglie le nostre informazioni personali per poi rivenderle.

We’ve all noticed those annoying ads following us around the Internet. That’s just the tip of the iceberg. Most people still don’t know that private companies build and sell profiles about them or that many retailers charge different prices based on these data profiles.

Come si dice in questi casi: se non paghi il prodotto, sei tu il prodotto! In cambio dell’utilizzo gratuito di alcuni software regaliamo la radiografia della nostra vita a degli sconosciuti. Perdendo il controllo di queste informazioni.

Quando se ne parla i più dicono: non ho nulla da nascondere. Certo, non hai assassinato nessuno. Ma questo non vuol dire che tu non possa ricevere dei danni dal mettere in mostra la tua vita. Potresti NON essere assunto in un’azienda per una foto goliardica su Facebook o vederti innalzare il premio di un’assicurazione perché dalla tessera del tuo supermercato risulta che acquisti troppi alcolici…

Read More