Mandriva franco-russa

E, come accennavo nel post su Mageia, Mandriva sembra sempre lì lì per morire ma poi… ce la fa sempre. Almeno a parole.

Nuovo azionariato, arrivano i russi! Con soldi e con scelte strategiche. Come si legge sul blog ufficiale KDE sarà il desktop principale. E gli altri saranno affidati alla buona volontà della comunità. Una comunità che – a parole – sarà fatta partecipe delle scelte e dello sviluppo di Mandriva, cosa fin’ora inspiegabilmente mai fatta.

Vedremo. Per ora l’unica certezza è che la prossima versione sarà rilasciata nella primavera del 2011, saltando quindi il rilascio autunnale 🙁

 

[Aggiornamento]

Mi è stato gentilmente segnalato che il link ormai non è più attivo. Per qualche news su Mandriva Linux e la sua storia potete seguire questo link qui.

Mageia

E’ un momento un po’ confuso per chi, come me, utilizza come distribuzione Linux la francese Mandriva.

Mandrake prima, Mandriva poi, è una società che ha sempre navigato in brutte acque, economicamente parlando. Sfornando sempre, quasi le difficoltà economiche fossero uno stimolo irrinunciabile, sfornando sempre dicevo una distro eccellente. Equilibrata tra i diversi Desktop Environment – KDE, GNOME, ecc -, facile da configurare, stabile negli aggiornamenti.

Ormai ci si era quasi abituati ai reiterati annunci di disastro imminente e alla scarsa collaborazione con la community. Comunque fosse, Mandriva proseguiva la sua strada.

Ora, forse, non più come prima…

Read More

L’araba fenice

pollycoke wait

Risorge Pollycoke, seguitissimo – da me, ma non solo – sito di gossip e polemiche e notizie ed idee sul sofware libero.

Cambiato l’indirizzo, dopo aver venduto il .net e ricomprato il .org, a breve Felipe dovrebbe riprendere a deliziarci con le sue variegate opinioni su Linux e KDE.

Il countdown prosegue…

Nepomuk funziona

O almeno, per ora, funzionicchia, su Mandriva 2010.

nepomukpaoloIntanto per riuscire a farlo funzionare ho dovuto partire da zero, con un profilo nuovo di zecca. E quì m’ha aiutato un recente disastro a cui sono sopravvissuto solo grazie al mia hard disk esterno.

Read More